Un poliziotto e l’aggressore sono rimasti uccisi sugli Champs Elysees, un altro agente è invece gravemente ferito. Un’evacuazione è in corso, elicotteri volteggiano sulla zona, la polizia chiede attraverso i media a tutti i parigini di evitare la zona. Le indagini sull’assalto sono state affidate alla procura antiterrorismo.

Ancora terrore a Parigi, morti un poliziotto e l’aggressore sugli Champs Elysees. Spari sugli Champs Elysées a Parigi. Un poliziotto è rimasto ucciso e un altro gravemente ferito alla testa. Un aggressore è stato a sua volta abbattuto dai colpi degli agenti, riferiscono i media francesi. Ma, secondo alcuni testimoni citati da ‘Bfmtv’, gli aggressori sarebbero stati due. Arrivano conferme sul fatto che l’obiettivo fossero effettivamente gli agenti: è un portavoce del ministero dell’interno francese a confermarlo, escludendo di fatto l’ipotesi che si possa trattare di una rapita finita male, come ipotizzato da alcune fonti di stampa. Al momento sono in azione le forze speciali e la procura anti-terrorismo ha aperto un’inchiesta.

L’uomo che ha aperto il fuoco contro la polizia è stato “neutralizzato”: a comunicare l’uccisione dell’aggressore è stata la prefettura di polizia di Parigi, riferisce il sito di ‘Le Figaro’. Numerosi agenti di polizia muniti di scudi si sono schierati sulla Avenue, dove si vedono decine di camionette delle forze di sicurezza. Chiuse per precauzione la stazione della metropolitana Franklin Roosevelt e George V.

La sparatoria è avvenuta all’angolo con la nota brasserie Fouquet’s. La zona è stata chiusa dalla polizia e viene sorvolata da un elicottero. La sparatoria è avvenuta mentre è in corso l’ultimo dibattito televisivo fra i candidati alle presidenziali di domenica. (ADNKRONOS)